Categoria: Psicologia

Stress

Stress


Oggi vogliamo parlarvi della forma di stress maggiormente conosciuta (e temuta): il Distress.
Abbiamo visto nei post passati che esistono appunto due tipi di stress, quello positivo e quello negativo, e che sono differenziati dal grado di insicurezza.

Come certo saprete, lo stress di tipo negativo (il distress prima menzionato) è decisamente sgradevole, nei primi momenti ci dà quelle sensazioni di ansia, di essere impacciati, di non riuscire a cavarcela. Quando poi si è particolarmente stanchi o preoccupati, qualsiasi ulteriore piccola contrarietà è in grado di farci raggiungere all’istante il limite della nostra sopportazione. Le nostre energie sono come esaurite e scoppiamo letteralmente.

Il Distress è quel tipo di stress che provoca maggiori difficoltà di adattamento, si ha quando stimoli stressanti (chiamati stressor), instaurano un logorio progressivo fino allo squilibrio o rottura delle difese psicofisiche. L’attivazione dell’organismo e quindi l’aumento delle secrezioni ormonali è la risposta del nostro corpo a questi eventi stressanti, ma questo stato di allerta può rimanere anche in assenza di nuovi “stressor“, o spesso capita anche che l’organismo reagisca a stimoli di lieve entità in maniera sproporzionata.
Spesso il distress ha le seguenti caratteristiche:

  • Riduce le prestazioni
  • Può portare problematiche di tipo psicologiche o fisiche
  • Provoca ansia o preoccupazione
  • Ha una durata variabile
  • Calo di energia e dei livelli d’azione;
  • Comportamenti inadeguati

Quella sensazione del suolo che si trema sotto i nostri piedi.. è reale? o siamo noi ad aver smarrito il senso dell’equilibrio? Ognuno di noi infatti ha dei propri livelli di tolleranza allo stress e anche delle strategie da attuare. Ma in realtà la cosa migliore è aver attivato e coltivato una qualità molto particolare: la flessibilità.

C’è infatti una grossa differenza nella nostra capacità di adattarci, investendo le nostre energie in modo produttivo e costruttivo, ottimizzando la situazione e ottenendo risultati ma senza sprechi potenzialmente dannosi per la salute.

 

Stress Positivo

Stress Positivo

 

Alla fine dell’ultimo post stavo introducendo la differenza tra i due tipi di stress, ovvero il grado di insicurezza.
Ma cosa vuol dire?

In effetti l’idea che esista uno stress positivo potrà suonare strano, ma più spesso di quanto pensiamo noi desideriamo certi stress!
Ma sopratutto amiamo la sensazione di riuscire a dominare il proprio ambiente, certe sfide, la sensazione di “farcela”!
Lo stress è una fonte continua e assolutamente necessaria per il nostro adattamento. Grazie ad esso noi abbiamo sempre maggiori occasioni per imparare e per creare nuove strategie, in particolare quando gli andiamo “incontro” in modo efficace!

Come diceva Seyle
La completa libertà dallo stress è la morte. Contrariamente a quanto si possa pensare, noi non dobbiamo e non possiamo evitare lo stress, ma possiamo andargli incontro in modo efficace traendone vantaggio, imparando di più dai suoi meccanismi, e adattando a esso la nostra filosofia dell’esistenza“. (Selye, 1973).

Quando parliamo di stress positivo, ci riferiamo all’Eustress e ha le seguenti caratteristiche:

  • migliora le nostre prestazioni, favorendo la nostra crescita (professionale, di performance, personale)
  • aumenta le capacità cognitive perché aiuta a concentrarsi sul problema da affrontare.
  • dura poco
  • è fonte sana di motivazione e focalizzazione dell’energia
  • fa parte delle nostre capacità di coping

Per esempio, pensa a quando stavi per iniziare un nuovo lavoro.. sentivi un misto di preoccupazione ed euforia? O quando la futura sposa prepara il suo matrimonio.. anche lì abbiamo una fonte di eustress! Ma anche quando ci stiamo preparando per una gara agonistica, o prepariamo la tesi di laurea, ecc ecc..

La sensazione che deriva da questi avvenimenti è una forte soddisfazione, il nostro accettare la sfida, ci aiuta a orientarci nei nostri impegni programmati, e quella soddisfazione quando “ce l’abbiamo fatta” ha quell’enorme carica con sé proprio grazie all’impegno che abbiamo impiegato… se non ne fossimo stati “stressati” avremo impegnato molte meno energie e motivazione. Rischiando di non raggiungere il nostro obiettivo.

Lo stress, così come i litigi, nella realtà non è proprio il motivo del malessere.. ma è la nostra abilità nel percepirlo e fronteggiarlo che fa la differenza!

Lo Stress

Lo Stress

Oggi parliamo di un tema che sta spesso sulla bocca di tutti. Vogliamo darvi una rilettura dello stress, facendovi scoprire qualcosa che forse non sapete!

Intanto vi forniamo qualche dato base. Per definizione lo stress è una risposta psicofisiologica che il nostro corpo attua anche davanti a situazioni molto diverse. Per esempio durante un fattore emotivo, quando ci sentiamo la pancia scombussolata per una brutta notizia, oppure più cognitivo, quando abbiamo lavorato al pc tutto il giorno, o ancora davanti a un fattore sociale, quando per esempio siamo in mezzo a una folla.

L’autore che per primo focalizzò il suo interesse sullo stress fu Selye (1976) ed è grazie a lui che oggi possiamo parlare degli elementi che costituiscono fondamentalmente lo stress.

Spesso sul tema dello stress ci sono convinzioni non proprio esatte. Molti credono che lo “stress” sia legato esclusivamente a fattori negativi. In realtà lo stress è fondamentale per la nostra motivazione e per il nostro adattamento quotidiano. Infatti esistono almeno due tipi di stress:

  • Stress positivo
  • Stress negativo

L’elemento che li distingue è il grado di insicurezza. Infatti quando ci poniamo degli obiettivi, e vediamo che i nostri sforzi e i nostri passi in avanti ci avvicinano al nostro traguardo, abbiamo un esempio di stress positivo. Probabilmente senza quel “costo”, quello sforzo necessario la nostra riuscita non avrebbe quel buon sapore che la contraddistingue!
Rimanete con noi per i prossimi approfondimenti!

STRESS

Cambiamo veste!

Cambiamo veste!

Stiamo creando qualcosa di nuovo e completamente originale.
Abbiamo deciso di fare “il salto” e lanciarci in questa collaborazione tutte insieme, come un vero team, senza intralciarci.
Confidiamo sarà un percorso ricco in tutti i sensi!images (1)